Ecco perché il Mental Training sportivo può aiutare i ragazzi nello studio



Ecco perché il Mental Training sportivo può aiutare i ragazzi nello studio

Una delle domande più frequenti che mi vengono rivolte dai genitori di giovani atleti che accedono al servizio di Mental Training, è la seguente:

" Scusi Dottore, ma le attività che fate insieme per lo sport, sono poi utili anche a scuola?"

La risposta è affermativa ed in questo post voglio spiegare alcuni motivi per i qual il mental training sportivo abbia ripercussioni positive anche nella scuola.

► Se parliamo di gestione dell'ansia da prestazione, è chiaro che la possibilità di comprendere meglio le dinamiche sportive (personali e  contestuali) che determinano l'attivazione di agitazione o panico elevati nel pregara, comporta anche che l'atleta riesca piano piano a capire in che modo sia possibile rilevare (anche con l'aiuto dello Psicologo) elementi analoghi tra i banchi di scuola. preparandosi a prevenirli o affrontarli al meglio.

► Nel Mental training parliamo di strategie che possono agevolare l'atleta a trovare un equilibrio emozionale in grado di supportarlo sia nell'espressione della performance sportiva che in quella scolastica. Soprattutto laddove l'atleta venga stimolato a trasferire i concetti discussi con il linguaggio sportivo nell'ambito della sua quotidianità. Ciò consente di individuare "zone di prestazione ottimali" non solo in piscina, in campo, in palestra ma anche..in classe!

► Naturalmente nel MT sportivo alleniamo attenzione e concentrazione, evidenziamo i fattori di distrazione ed insegniamo all'atleta alcune tecniche di focalizzazione che possono aiutarlo ad ottimizzare le proprie risorse mentali  in relazione al tempo disponibile per lo studio pomeridiano. Aspetto essenziale per migliorare la compatibilità tra scuola e sport.

► Parliamo anche di assertivitàcomunicazione e relazione, facendo possibili parallelismi tra il ruolo dell'allenatore e quello dell'insegnate, cercando di comprendere in che modo il ragazzo/a possa sviluppare relazioni positive in funzione sia dei propri atteggiamenti e personalità che di quelle dell'allenatore/insegnante, imparando anche ad esprimere con equilibrio pensieri, idee ed emozioni. Idem per quanto concerne le dinamiche di squadra o di "classe" che, seppur differenziate negli obiettivi finali, hanno aspetti sovrapponibili.

► Approfondiamo dinamiche motivazionali, determinanti nello sport come a scuola. L'atleta sviluppa cioè con il mental training maggiori conoscenze in relazione agli aspetti che possono motivarlo o demotivarlo, cercando fattori capaci di sostenere l'impegno nella direzione degli obiettivi prefissati (la cui definizione è parte integrante dell'allenamento mentale).

► Lavoriamo sulle tecniche di rilassamento e di visualizzazione in grado di aiutare l'atleta a coltivare il proprio benessere psicofisico imparando a gestire lo stress generale, ma anche ad acquisire un metodo costante di allenamento delle abilità mentali, con processi specifici per ciascuna abilità da potenziare. La capacità di gestire lo stress ed i momenti di sovraccarico è essenziale nel facilitare l'integrazione tra gli impegni sportivi e quelli studio.

► Sviluppiamo insieme attività finalizzate al rafforzamento dell'autostima e dell'autoefficacia, tasselli fondamentali per la crescita della fiducia personale e del senso di padronanza rispetto agli impegni da portare avanti nell'arco della stagione sportiva e scolastica.

È evidente che lo sport e la scuola, pur seguendo processi ed utilizzando linguaggi diversi in quanto differente è il "focus" delle attività realizzate, costituiscono due aree vitali per la crescita personale ed armonica di un giovane. Esse sono unite da un comun denominatore: abilità mentali e benessere psicologico.

Lavorare sul ragazzo attraverso il linguaggio dello sport, influisce per "osmosi" anche sullo studio  in quanto il giovane arricchisce la propria "cassetta degli attrezzi" personale di conoscenze e tecniche che può liberamente applicare anche nelle criticità che incontra nel coltivare il proprio profilo formativo e professionale.

Non vi nego che quando un ragazzo o una ragazza non in grande sintonia con i libri, ma molto a suo agio nello sport, riesce a maturare attraverso il Mental Training nuove motivazioni anche nello studio,  -beh - ciò rappresenta motivo di grande soddisfazione per il binomio "psicologo dello sport-atleta".

Oltre che, naturalmente, per la diade "mamma-papà!" ;-)



Share on Google Plus

Info su Dott.Fabio Ciuffini Psicologo dello Sport

Psicologo dello Sport e Mental Trainer. Albo Regione Toscana 4521. Iscritto all'Associazione Italiana Psicologi dello Sport e membro del progetto PDS, Psicologi dello Sport. Cofondatore del progetto CalcioScouting.com. Ricevo ad Altopascio (Lucca)
    Blogger Comment
    Facebook Comment

0 commenti:

Posta un commento