Psicologia dello Scouting: come intervengo sul giovane calciatore



Psicologia dello Scouting: come intervengo sul giovane calciatore

Una delle attività più interessanti che ho potuto effettuare in ambito sportivo e per le quali ho maturato un'esperienza in un campo "nuovo" per la Psicologia sportiva è lo scouting calcistico.
Fondamentalmente, mi occupo infatti di integrare l'osservazione tecnica del Talent Scout con quella psicologico-comportamentale, allo scopo di:

  • stilare insieme all'osservatore calcistico relazioni professionali relative ai profili psicologici di giovani calciatori (la cosiddetta Relazione Tecnica Integrata);

  • effettuare osservazioni e monitoraggi sul campo in partita ed in allenamento offrendo supporto ai giovani calciatori ed ai loro genitori in relazione alle criticità e margini di miglioramento riscontrati proprio sul piano delle abilità mentali globali;

  • realizzare percorsi di Mental Training supportivi per calciatori di settore giovanile professionistico o dilettantistico allo scopo di sostenere la loro performance sportiva
Tale attività, particolarmente apprezzata dalle famiglie e dai ragazzi, ha potuto garantire infatti la possibilità di offrire riscontri e feedback professionali all'atleta in primis ed alla famiglia poi, capaci di tracciare potenziali interventi finalizzati ad incrementare il benessere psicologico del calciatore ed il suo livello prestativo generale.
Se attraverso l'osservazione sul campo ed in allenamento è infatti possibile monitorare "nel concreto" quali possono essere gli elementi capaci di favorire o sfavorire l'espressione della performance, mediante il Mental Training si può lavorare nella direzione di: 

  • potenziare il livello di attenzione e concentrazione
  • migliorare l'autoefficacia e l'autostima
  • apprendere tecniche di gestione dello stress
  • definire obiettivi di prestazione a breve, medio e lungo termine
  • monitorare il livello di attivazione pregara
  • sviluppare assertività nelle relazioni
  • migliorare il dialogo interno
  • apprendere competenze determinanti nella psicologia della prestazione
  • migliorare il controllo emotivo
  • accrescere la resilienza
  • monitorare il piano motivazionale
  • prevenire il dropout sportivo (abbandono)
  • apprendere tecniche di rilassamento e visualizzazione
  • realizzare allenamenti ideomotori utili alla correzione o miglioramento del gesto tecnico individuale o del comportamento tattico

NON TUTTI I TALENTI DIVERRANNO PROFESSIONISTI DI PRIMO LIVELLO, ma tutti i giovani calciatori possono diventare persone dotate di autostima, auto-efficacia ed un sano approccio allo sport ed alla vita tutelando anche IL PROPRIO BENESSERE PSICOFISICO!


Questa attività integrata ha dato vita ad un modello/protocollo di lavoro di cui sono coautore denominato ©TT-CM applicabile anche in altre discipline sportive di squadra che ha richiamato l'attenzione di numerosi addetti ai lavori in ambito calcistico e siti web specializzati nel calcio giovanile.

**Se anche tu sei un genitore di un giovane calciatore e desideri "sperimentare" questo metodo di monitoraggio, oppure sei un direttore sportivo, un responsabile scouting di una società, puoi richiedere maggiori informazioni contattandomi tramite il modulo sottostante oppure (in via preferenziale) tramite i seguenti contatti:


Mail: ciuffinifabio@gmail.com
Tel. 3200298136
(anche tramite whatsapp)


Dr Fabio Ciuffini
Psicologo dello Sport&Mental Trainer
Albo Psicologi Regione Toscana n°4521
Tel. 320-0298136
Share on Google Plus

Info su Dott.Fabio Ciuffini Psicologo dello Sport

Psicologo dello Sport e Mental Trainer. Albo Regione Toscana 4521. Iscritto all'Associazione Italiana Psicologi dello Sport e membro del progetto PDS, Psicologi dello Sport. Cofondatore del progetto CalcioScouting.com. Ricevo ad Altopascio (Lucca)
    Blogger Comment
    Facebook Comment

0 commenti:

Posta un commento