I principi del Karate ed il Mental Training


I principi basilari del Karate insegnati dal maestro Gichin Funakoshi hanno a mio avviso un grande fascino, oltre che una sostanziale attinenza con la Psicologia dello Sport. In effetti si sposano molto bene con i presupposti di base del Mental Training che interviene proprio su molte delle abilità psicologiche a cui si fa riferimento nei 20 principi che vi ripropongo.

L'idea dello stesso Maestro Funakoshi era in effetti che "lo scopo ultimo del karate non si trova nella vittoria o nella sconfitta, ma nella perfezione del carattere dei partecipanti".
Nel Mental Training non si parla di perfezione, certo, ma senza dubbio di crescita, sviluppo, equilibrio, competenza, consapevolezza e potenziamento di fattori psicologici che interessano la prestazione sportiva, di positiva accettazione della sconfitta, di autostima ed autoefficacia, di attenzione etc..

Tutti elementi che, come vedrete, ritroverete direttamente o indirettamente qui sotto citati:

1° Non dimenticare che il Karate-do comincia e finisce con il saluto (Rei)

2° Nel Karate non esiste l’ iniziativa

3° Il Karate è dalla parte della giustizia

4° Conosci prima te stesso, poi gli altri

5° Lo spirito viene prima della tecnica

6° Libera la mente (il cuore)

7° La disattenzione è causa di disgrazia

8° Il Karate non si vive solo nel dojo

9° Il Karate si pratica tutta la vita

10° Applica il Karate a tutte le cose, lì è la sua ineffabile bellezza

11° Il Karate è come l’ acqua calda, occorre riscaldarla costantemente o si raffredda

12° Non pensare a vincere, pensa piuttosto a non perdere

13° Cambia in funzione del tuo avversario

14° Nel combattimento devi saper padroneggiare il Pieno e il Vuoto

15° Considera mani e piedi dell’ avversario come spade

16° Oltre la porta di casa, puoi trovarti di fronte anche un milione di nemici

17° La guardia ( Kamae) è per i principianti; più avanti si torna alla posizione naturale ( shizentai)

18° I Kata vanno eseguiti correttamente; il combattimento è un’ altra cosa

19° Non dimenticare dove occorre usare o non usare la forza, rilassare o contrarre, applicare la lentezza o la velocità, in ogni tecnica


20° Sii sempre creativo



Share on Google Plus

Info su Dott.Fabio Ciuffini Psicologo dello Sport

Psicologo dello Sport e Mental Trainer. Albo Regione Toscana 4521. Iscritto all'Associazione Italiana Psicologi dello Sport e membro del progetto PDS, Psicologi dello Sport. Cofondantore presso CalcioScouting.com. Ricevo ad Altopascio (Lucca) o Prato (PO)
    Blogger Comment
    Facebook Comment

0 commenti:

Posta un commento