La reazione della squadra alle sostituzioni: questione di Locus of Control

Togliere un difensore per inserire un attaccante è una mossa che, normalmente, rappresenta per gli atleti un segnale piuttosto chiaro: Andate a vincere (in caso di pareggio) Cercate di recuperare (in caso di svantaggio) oppure Aumentate il Vantaggio, in caso di parziale punteggio favorevole.

Ma è sempre così? E da cosa dipende la reattività della squadra al segnale lanciato dall’allenatore?

L’inserimento di calciatori offensivi è di sua natura un rafforzamento del convincimento che la squadra sia legittimata ad aumentare ritmo ed intensità della manovra offensiva (per vincere o recuperare). Ma mentre nel caso della necessità di un recupero del risultato l’attacco deve farsi più insistente per definizione (si recupera solo se si segna), nel caso di una situazione “neutra”, come può essere una gara ferma sullo zero a zero o indirizzata al pareggio, diventa più difficile per l’allenatore tentare di osare, dato che il rischio è più alto, ossia quello di perdere.

Il coraggio di un allenatore ed il suo personale atteggiamento orientato al successo, diventa quindi di particolare importanza quando una squadra ha bisogno di stimoli esterni per tentare con più convinzione l’ottenimento dei 3 punti.
Tuttavia la Psicologia insegna che l’incidenza del tecnico può variare sensibilmente in funzione di una serie di fattori in gioco e che non sempre l’intervento esterno è recepito coerentemente con la volontà del tecnico. Ciò può dipendere, infatti,  da vari fattori motivazionali, di gruppo e di contesto, di cui esaminiamo di seguito il cosiddetto Locus of Control. Lo faremo in linea generale toccando alcuni punti introduttivi al concetto.

Si definisce Locus of Control una variabile psicologica descritta nel 1954 da Julian B. Rotter, psicologo statunitense, che indica il grado con cui una persona considera gli eventi come legati alla propria volontà o controllo o, in alternativa, a fattori esterni.
Una variabile che può tranquillamente essere attribuita ad un gruppo sociale
, come ad esempio una squadra di calcio.

Si parla di Locus of Control Interno quando una persona od un gruppo sociale sentono di essere in grado di determinare autonomamente le proprie azioni e i risultati ottenuti in funzione della propria possibilità di controllare le circostanze esterne,mentre si definisce Locus of Control Esterno il processo mediante il quale si attribuiscono a fattori esterni all’individuo o al gruppo il raggiungimento di determinati obiettivi e le cause degli eventi.

Cercheremo adesso di esaminare a grandi linee le possibili reazioni di una squadra di calcio in funzione del proprio Locus Of Control nel momento in cui un allenatore decida a gara in corso di optare per una sostituzione inserendo un calciatore difensivo oppure un giocatore offensivo, analizzando come possibili scenari il vantaggio della squadra, una situazione di pareggio oppure di svantaggio.


Inserimento di un calciatore difensivo al posto di una punta (COPERTURA)


Gruppo con Locus of Control Esterno: La squadra attribuisce a fattori esterni la causa degli avvenimenti in campo (fortuna, arbitraggio, infortuni etc..)




 - Squadra In Vantaggio (MOSSA DI PAURA):
Se la squadra tende ad attribuire a fattori esterni il successo, il segnale dato dall’allenatore suona come un “vi dico io cosa fare: difendetevi per mantenere il punteggio”.
Mantenere il punteggio dipenderà quindi sia da fattori di fortuna che dalla volontà dell’allenatore e dall’esito della sua scelta. Se la squadra mantiene il vantaggio è merito quindi della mossa difensiva e quindi di un fattore esterno all’agire diretto della squadra.
Un possibile esito: “Se prendiamo  gol è colpa dell’allenatore”.

- Squadra In Situazione di Pareggio (MOSSA DI SFIDUCIA NEL SUCCESSO): l’allenatore dà un segnale di sfiducia alla squadra che rinforza l’idea del gruppo che il successo sia impraticabile per propria capacità. Meglio difendere il punteggio dando uno stimolo sempre esterno di potenziamento della fase difensiva. Il gruppo potrebbe demoralizzarsi. Un possibile esito: “Non stiamo vincendo perché il Mister non ha voluto provarci”

- Squadra In Svantaggio (MOSSA DI LIMITAZIONE DEL DANNO). La squadra non gira bene, non reagisce. Sembra subire la situazione e non trova motivazione adeguataLa mossa dell’allenatore è finalizzata a limitare i danni esterni che potrebbero avvilire la squadra oltre misura.
Possibile esito:”non stiamo recuperando perché il Mister ha preferito evitarci un disastro piuttosto che osare


Gruppo con Locus of Control Interno: La Squadra attribuisce a fattori interni (volontà, motivazione, capacità) il raggiungimento di un risultato vincente.


Squadra In Vantaggio (MOSSA LEGITTIMA): La squadra potrebbe reagire al segnale esterno come fosse una minaccia all’autostima, un’ingerenza alla capacità del gruppo di autogestirsi, ad esempio adottando spontaneamente un atteggiamento maggiormente difensivo pur mantenendo la squadra con lo stesso modulo o con gli stessi calciatori.
Tuttavia la risposta del gruppo potrebbe anche essere positiva qualora l’intervento del mister avvenga nel caso in cui la squadra, pur mantenendo intatta la propria convinzione circa il proprio ruolo nel mantenimento del punteggio, abbia evidente necessità di un intervento difensivo (ad esempio quando la squadra avversaria prema notevolmente e il capitano richieda un rinforzo).
In ogni caso la mossa del mister è vista come protettiva rispetto agli obiettivi di squadra e quindi legittima. Un Possibile esito: “Il Mister, in fondo, ci sta proteggendo”

Squadra In Situazione di Pareggio (MOSSA DI SFIDUCIA NEL GRUPPO): anche in questo caso la mossa del tecnico potrebbe essere mal interpretata dal gruppo. Inserire un calciatore di copertura potrebbe indicare una sfiducia nelle potenzialità del gruppo di ottenere i tre punti. Una squadra con Locus of Control Interno troverebbe un freno nel proprie motivazioni ad agire. Possibile esito: “Mister, nonostante la tua mossa sbagliata la vittoria dipende da noi”.

Squadra In Svantaggio (MOSSA DI DISTURBO): La squadra sa che le sorti della gara dipendono dal proprio modo di agire. La mossa dell’allenatore viene percepita come un disturbo, un ostacolo alla volontà del gruppo di reagire allo svantaggio.
Un Possibile esito: “Il Mister ha sbagliato ma potevamo recuperare lo stesso”.


 Inserimento di un attaccante al posto di un difensore o di un centrocampista

Gruppo con Locus of Control Esterno: La squadra attribuisce a fattori esterni la possibilità o impossibilità di ottenere la vittoria (fortuna, arbitraggio, infortuni etc..)


Squadra In Vantaggio:  (MOSSA DI CONFERMA): L’intervento del Mister è finalizzato a proteggere il vantaggio aumentando la possibilità che la squadra ottenga il successo affidandosi alle risorse della panchina e alla strategia offensiva per aumentare il vantaggio momentaneo.
Un Possibile esito:Il Mister inserisce la punta perché vuole aumentare il vantaggio e ridurre il rischio che prendiamo gol).

Squadra In situazione di Pareggio (MOSSA DI FORTUNA): L’evento esterno è sempre il fattore guida del gruppo. Se vinciamo dipende solo in parte dalla qualità del gruppo. Il Mister interviene per aumentare la probabilità che accada qualcosa di positivo
Un Possibile esitoL’allenatore inserisce la punta perché potrebbe essere più facile segnare

Squadra In Svantaggio (SCELTA OBBLIGATA): Il tecnico gestisce un gruppo il cui atteggiamento è orientato a ritenere la sconfitta come dipendente da fattori esterni (decisioni arbitrali, troppi infortuni, problemi societari etc..). L’Intervento in caso di svantaggio è finalizzato a recuperare affidandosi ad un ulteriore fattore esterno (le qualità dell’attaccante) in grado di portare la squadra al pareggio.
Un Possibile esitoIl Mister Inserisce la punta perché altrimenti non ce la faremo mai a recuperare




Gruppo con Locus of Control Interno: La Squadra attribuisce a fattori interni (volontà, motivazione, capacità) il raggiungimento di un risultato vincente.

Squadra In Vantaggio (MOSSA DI RINFORZO):
 L’obiettivo è quello di coadiuvare il gruppo rinforzandolo nel tentativo di confermare il vantaggio e possibilmente di aumentarlo
Un Possibile esitorafforzare il vantaggio dipende da noi ed il mister desidera aiutarci ad ottenerla nel miglior modo possibile.

Squadra In Situazione di Pareggio (MOSSA DI SUPPORTO): rafforzamento della propensione del gruppo a cercare la vittoria. L’allenatore, consapevole della volontà propria del gruppo di vincere a prescindere dalle scelte del tecnico, supporta il gruppo nel suo sforzo mirato al successo scegliendo di inserire un attaccante.
Un Possibile esito:Il Mister sa che abbiamo la capacità per vincere e ci stimola a trovare il gol


Squadra In Svantaggio (MOSSA FORZATA)
: Il Mister, consapevole che un Locus of Control Interno potrebbe portare la squadra a ritenersi responsabile dell’insuccesso (ed abbattersi), inserisce una punta con la volontà di stimolare la squadra a mantenere vivo l’orientamento al successo dando un segnale di rinforzo e di supporto psicologico
Un Possibile esito:La sconfitta è colpa nostra. Il Mister, inserisce una punta per farci reagire subito senza abbattersi.

Le scelte compiute da un tecnico naturalmente non sono limitate a queste casistiche dato che gli infortuni in corso, l’andamento della gara e la salute complessiva del gruppo potrebbero incidere forzando alcune scelte magari anche in direzione contraria all’atteggiamento consueto del tecnico.

La nostra disamina parte dal presupposto che in una situazioni standard (ossia quando la gara non sia significativamente condizionata dagli episodi ma dall’atteggiamento del gruppo) l’intervento dell’allenatore può essere decisivo nel bene o nel male nel rinforzare o inibire un atteggiamento di gruppo sotteso al comportamento della squadra in campo.

In generale potremmo affermare che un gruppo dotato di Locus of Control Interno percepirà tuttavia le mosse del tecnico come azioni di supporto alla propria capacità di controllo dell’azione (processo di co-responsabilizzazione), mentre una squadra con Locus of Control Esterno interpreterà le azioni del mister come più determinanti nell’esito della gara, attribuendogli di conseguenza le colpe con maggior probabilità qualora il risultato ottenuto sia negativo. Si può parlare in questo caso di un processo di vittimizzazione da parte del gruppo.

Come abbiamo visto, infatti, i segnali di un mister possono anche essere mal interpretati portando la squadra ad un disorientamento e a maturare un atteggiamento di ostilità nei confronti del proprio allenatore che può anche aumentare di intensità qualora i rapporti con il gruppo non siano già di per se stessi positivi e collaborativi.

Conoscere il Locus of Control di un gruppo potrebbe infatti facilitare da parte dell’allenatore la gestione e la lettura di una partita di calcio, favorendo scelte consapevoli alle quali la squadra reagisca in modo preventivabile.

Siamo proprio sicuri che tutti gli allenatori conoscano a fondo il Locus of Control della propria squadra?

Autore:
Fabio Ciuffini
Psicologo

Consulenza in Studio
Psicologo online: consulenza via Mail
Psicologo online: consulenza via Skype
Share on Google Plus

Info su Dott.Fabio Ciuffini Psicologo dello Sport

Psicologo dello Sport e Mental Trainer. Albo Regione Toscana 4521. Iscritto all'Associazione Italiana Psicologi dello Sport e membro del progetto PDS, Psicologi dello Sport. Cofondantore presso CalcioScouting.com. Ricevo ad Altopascio (Lucca) o Prato (PO)
    Blogger Comment
    Facebook Comment

0 commenti:

Posta un commento